Il mio contributo a mamma e papà

Il mio contributo a mamma e papà

Chi conosce Andrea, oppure chi ha visto nel sito il link “recensioni”, sa che i QR code sono un angolo, nello sconfinato panorama informatico, che lo ha particolarmente colpito. Per gioco ha iniziato, quindi, a sperimentare le potenzialità offerte da questo quadratino “magico”, ancora relegato (appunto) in un angolo ma che sta facendo notevoli passi avanti in Italia, anche se la sua invenzione è datata 1994. Con la caratteristica curiosità dei bambini lo ha praticamente “vivisezionato”, per usare una parola brutta che però, in questo ambito, oltre a rendere bene l’idea, è anche ammessa. Dopo notevoli insistenze ha convinto il padre e la madre ad impiegarlo, al fine di implementare la loro professione, usandolo per dare maggiori informazioni pubblicitarie là dove esso può essere impiegato. Il risultato è la soddisfazione di sentire compiacimenti da parte di quei clienti, anche riottosi all’inizio, che hanno deciso di farne uso. Il padre è solito dire infatti che, per anni, consegnando un prodotto assolutamente “normale”, come può essere appunto un biglietto da visita, non ha mai ascoltato particolari gratificazioni e queste, se c’erano, erano limitate solo all’aspetto grafico. Dopo l’impiego del QR Code, invece, la maggior parte degli stessi, dimostra attenzione alle sue proprietà; poi, comprese le potenzialità dello stesso, di cui spesso era totalmente all’oscuro, non è raro che si fa portavoce per diffonderne la conoscenza. Andrea è anche il co-ideatore del “non biglietto da visita” di cui nel lato destro della presente pagina, è possibile disporre del collegamento.

DEFINITIVO.cdr