HomePage

HomePage

HomePage – Andrea De Angelis!

Il presente sito è stato elaborato in totale autonomia, utilizzando il codice PHP, da Andrea De Angelis dopo un breve corso tenuto nell’agosto 2014, dal Web Master Andrea Coscia che gli ha impartito l’essenziale per realizzarlo. 

La grafica più elaborata e parte dei video presenti, invece, sono opera del padre, il quale è stato ben felice di realizzare ciò che, comprensibilmente, non è possibile approntare con la limitata esperienza di un adolescente classe 2002. 

Tutti i testi nel sito, realizzati con questo carattere e corpo e con il presente colore, sono stati elaborati dai genitori e da terze persone le quali, apprezzando i vari step di Andrea, hanno recensito le pagine presenti.

I restanti testi, scritti con diversi caratteri e colori, sono esclusiva opera di Andrea con un limitato apporto genitoriale che si intende risparmiare al massimo, al fine di consentirgli la totale autonomia espressiva.

Fermo invece il monitoraggio continuo di quanto da lui pubblicato, la cui responsabilità dei contenuti è totalmente attribuibile al padre, quale intestatario del sito. 

Chiunque intenda contribuire, per valorizzare l’opera di Andrea, per dare consigli ma anche replicare o contestare tutto o parte del contenuto, può chiamare il padre al 335.7010878.

Chi, invece, desiderasse entrare in contatto con Andrea o esprimergli il proprio apprezzamento scritto, potrà inviargli una mail, a info@andreadeangelis.it anche linkata a siti terzi che possano favorire gli adolescenti, e ciò al fine di creare un collegamento stabile e condiviso tra questi ultimi e i propri genitori.

È nostro proposito, previa autorizzazione, pubblicare apprezzamenti e quei contributi che riterremo migliorativi.

Con il presente scritto introduttivo intendiamo ricordare a chiunque che solo gli adolescenti potranno concorrere a rimettere in sesto un Paese che un tempo è stato il punto di riferimento culturale del mondo conosciuto, nel quale il “mecenate” aveva un ruolo, ed il “mentore” un preciso compito.

Confidiamo nell’apporto dei lettori affinché i “tutor”, quali moderni mecenati e mentori, possano al più presto tornare ad essere tali e le “start up” mettere le ali, per essere sempre meno meri neologismi, o limitate espressioni di sporadiche eccellenze.


Andrea Coscia